Moto Colombo 250

Questa moto nasce da un’idea di Ercole Colombo di Gerenzano (VA) che, dopo alcuni anni da apprendista alla Frera di Tradate, venne assunto dall’Alfa Romeo in qualità di tecnico collaudatore. Gli studi per la realizzazione di un motore a valvola rotante iniziano negli anni trenta ma il primo motore Colombo-Bascialla (cognato di Colombo) viene presentato alla stampa nel 1947. Si tratta di un monocilindrico verticale a quattro tempi (250 cc) con distributore rotante conico a movimento radiale e assiale intermittenti. Viene azionato mediante un alberino verticale con coppia conica alla base ed ingranaggi cilindrici sulla testa e interposizione di camme a profilo speciale. E’ un sistema innovativo, quasi unico nel contesto mondiale, che rappresenta una vera e propria alternativa al classico movimento alternato di valvole, aste, punterie e bilancieri (in questo modo il motore veniva dotato di un moto continuo). Nel 1950 viene presentata una seconda versione, testata a Monza l’anno successivo. Colombo morì prematuramente nel 1957 (a causa di un infarto) e con lui i suoi esperimenti innovativi. La moto, dimenticata per anni in un magazzino privato, venne restaurata (con il consenso degli eredi) dagli appassionati Pietro Allievi ed Enrico Verrini. Oggi è possibile ammirarla nel Museo Frera di Tradate (VA).

VIALE TIZIANO 70 - 00196 ROMA C.F. 05277720586 - P.IVA 01383341003 +39 06324881 - INFO@FEDERMOTO.IT - powerd by Manafactory